Home 02 2021

Una Comunicazione che Genera Valore

“scientia Atque usus” (sAu) è una Comunità, in costante espansione, di attori sociali, portatori dei più diversi interessi e professionalità, impegnati in una rete di progetti di Comunicazione tutti animati dalla convinzione che la nostra società ha bisogno di costruire una nuova relazione comunicativa tra il mondo della ricerca e degli esperti – Scientia, – e il mondo in cui vivono, lavorano le persone che tali non sono – Usus – per creare prodotti (servizi o beni che siano) di Valore.

Per raggiungere questo obiettivo è necessario dare vita ad un Nuovo Patto Comunicativo: tra chi sa e chi rivendica il diritto di sapere per vivere al meglio la propria vita, lavorativa e non; tra la nostra vita quotidiana, pubblica e privata, i nuovi saperi e le competenze, sempre più necessarie se vogliamo favorire un’innovazione che sia davvero di sistema.

Una Comunicazione capace di generare con i progetti-prodotti (dalla loro ideazione al loro uso) reti sempre più vaste di stakeholder.

Gli ambienti di lavoro della “Community di sAu”

Le “Officine di scientiasono lo strumento per mettere in comune le nuove modalità comunicative che stanno emergendo dai vari progetti-prodotti realizzati o in corso di realizzazione all’interno della “Community di sAu”. Un cantiere di ricerca dove tante voci, diverse per saperi, conoscenze, competenze, abilità, professionalità, ruoli sociali, ma unite da precise scelte etiche, condividono e discutono una nuova cultura della Comunicazione. Nuova, perché progettualmente mirata a dare “valore” alle inedite risorse, potenzialmente infinite, offerte da una società complessa. Un progetto che la “Community di sAu” chiama “Comunicazione Generativa”.

Negotium faber fortunae suae: il cortocircuito del comparto vivaistico italiano

di Ilaria Marchionne
02 07 2021

dalla scientia all'usus

Serve più comunicazione per promuovere l’innovazione in agricoltura

di Ilaria Marchionne
02 07 2021

dalla scientia all'usus

Le “Officine di usus” sono i cantieri in cui noi e i nostri partner realizziamo, fattivamente e concretamente, i nuovi progetti di Comunicazione. Progetti-prodotti caratterizzati da scelte in linea con gli indirizzi più innovativi a livello nazionale e internazionale. Progetti il cui “valore“- fin dalla fase della loro ideazione e progettazione – risulta essere tanto maggiore quanto più numerosi e qualificati sono gli stakeholder che vi cooperano e collaborano. In una prospettiva di valorizzazione delle diversità degli interessi e dei ruoli, secondo una logica organizzativa e comunicativa contraria ad ogni impostazione riduzionistica e meccanicistica.

Perché ogni atto di cittadinanza diventi un atto partecipativo

Una ricerca-azione per progettare un nuovo modello comunicativo nel sistema socio-sanitario in Toscana

Federsanità di ANCI Toscana

L'olivo gentile. Lo splendore ignorato delle ulivete

Un progetto per promuovere un nuovo modo di intendere e di praticare l’agricoltura sociale e il ruolo economico e culturale delle ulivete.

Associazione Nazionale Città dell'Olio

“sAu Academy” offre percorsi e strumenti di formazione – pratica, teorica e teoretica – appositamente realizzati per affrontare le problematiche più innovative emerse dalle attività di sAu.

Si tratta di un ambiente formativo di nuova generazione che ha come obiettivo quello di operare contemporaneamente sul piano delle conoscenze teoriche, astratte e delle esperienze dirette, pratiche, concretamente operative.

“sAu Library” raccoglie e rende consultabili materiali (documenti scritti, immagini, video, audio, infografiche, grafici etc.) che documentano i saperi, le esperienze e le pratiche generati dalle attività quotidiane della Community di sAu.

Un patrimonio che “sAu Library” mette a disposizione di chiunque ne abbia bisogno, così da contribuire alla corretta individuazione e soluzione dei molteplici problemi  che si presentano nelle aree d’intervento di sAu.

Il progetto “scientia Atque usus”

 sAu è un progetto di community building, formalizzato nel 1992, che ha come mission quella di rafforzare – o attivare laddove siano assenti relazioni già strutturate – la cooperazione tra il mondo della Ricerca (Scientia) e il mondo delle attività socio-economiche come si esprimono nella vita quotidiana di ogni cittadina e cittadino (Usus). Di creare attorno alla concreta realizzazione di progetti-prodotti comunità articolate, coese e orientate alla realizzazione di un progetto di società condiviso e partecipato, basato sulla convinzione che i saperi, le conoscenze, le competenze e le continue sperimentazioni – oggi indispensabili in ogni settore sociale, economico, culturale, politico, con il coinvolgimento di tutti gli attori sociali, individuali e collettivi – debbano diventare Beni comuni.

La comunicazione generativa

La Comunicazione su cui si basa l’attività di “sAu” ha come orientamento etico e politico quello di cercare di costruire attorno ai progetti-prodotti il massimo Valore possibile, facilitando il massimo della collaborazione e della cooperazione possibili. Sia in fase di individuazione e di realizzazione di un prodotto – bene d’uso o servizio che esso sia -, sia in fase di utilizzo. 

Per riuscire a raggiungere questo obiettivo, è necessario ricorrere ad una Comunicazione radicalmente nuova denominata, dalla “Community di sAu”, “Generativa”.

La Community di sAu

La “Community di sAu” è costituita da soggetti afferenti ad ambiti economico-sociali, culturali, politici anche assai diversi ma che, condividendo una precisa visione etica e politica della ricerca, del lavoro e della cittadinanza, cooperano per realizzare azioni mirate quanto concrete nella direzione di quell’innovazione di sistema di cui la società della complessità ha un bisogno vitale. Obiettivo: favorire una Comunicazione Generativa di una sostenibilità integrale, e cioè ambientale, economica e sociale al tempo stesso.

Le “Officine di usus”. Una Rete di progetti-prodotti

sAu è una Rete di progetti-prodotti. Ognuno viene realizzato all’interno della sua “Officina di usus”: un ambiente di lavoro online progettato specificatamente per facilitarne l’ideazione, la progettazione, lo sviluppo, la realizzazione, il monitoraggio continuo. In questa maniera si rafforza la collaborazione e la cooperazione fra tutti gli stakeholder coinvolti. Per qualsiasi aspetto formativo necessario alla realizzazione dei progetti-prodotti, ogni “Officina di usus” mette a disposizione dei tutorial che facilitano il lavoro in tutti i suoi molteplici aspetti.

Le “Officine di scientia”. Giornale della “sAu Community”

Le “Officine di scientia” sono il giornale della “sAu Community”. Il periodico dove articoli di varia natura trattano le principali tematiche emerse dalle attività sviluppate all’interno di “scientia Atque usus”. Ma è anche il riferimento culturale, da un punto di vista pratico, teorico e teoretico, che anima la realizzazione dei progetti-prodotti così come realizzate dalle “Officine di usus”.

“sAu Library”. Il patrimonio di “scientia Atque usus”

Fondamentale, nella “Community di sAu”, è l’arricchimento quotidiano del suo patrimonio di conoscenze, saperi, competenze, abilità. “sAu Library” organizza questo patrimonio in documenti, a cominciare da quelli emersi dai vari progetti, in modo che costituiscano il prezioso punto di partenza per i futuri progetti di sAu, ma anche che possano essere utilizzati da chiunque ne faccia una motivata richiesta.

“sAu Academy”

La “Community di sAu” offre, tramite l’ambiente di “sAu Academy”, la possibilità di fruire di percorsi, più o meno approfonditi, di formazione. Sia per chi è coinvolto nei vari progetti sia per chi, pur non essendolo, è però interessato a comprendere la cultura e le modalità operative della “sAu Community”.

Il digitale: alle origini di sAu

 L’idea di sAu nasce, nel 1992, con la Fondazione del C.R.A.I.A.T., il “Centro Ricerche e Applicazioni dell’Informatica all’Analisi dei Testi”, presso l’Università di Firenze. Un progetto di ricerca che studiava – tramite sperimentazioni avanzate, sostenute da gruppi nazionali e internazionali quali Olivetti, Fondazione IBM-Italia, IBM-SEMEA, Apple, Google, Ministero dei Beni culturali, Bassilichi Group, – se e come il neonato testo digitale avrebbe potuto contribuire a scardinare il vecchio modello comunicativo di tipo gerarchico, trasmissivo, emulativo, meccanicistico, aprendo finalmente la strada ad un paradigma comunicativo nuovo: generativo, cioè, di saperi, conoscenze, competenze democraticamente costruite e condivise. E specialmente non più frammentate fra specialisti di ogni genere, fenomeno che rende i grandi problemi di oggi irrisolvibili e i soggetti che cercano di risolverli sempre più soli, impotenti e deresponsabilizzati.

Era l’inizio di una storia scritta in collaborazione con un grande numero di ricercatori, di età diverse – moltissimi i giovani – e provenienti da aree scientifiche tradizionalmente non comunicanti tra loro, con tante organizzazioni, pubbliche e private, istituzioni e imprese, nazionali e internazionali. Una storia, oggi in ulteriore, fondamentale sviluppo, che rafforza sempre più la convinzione che il digitale sia sì uno strumento strategico per sostenere un’inedita cultura sia di progetto che di fattiva realizzazione di prodotti (beni e servizi) a condizione, però, che si abbandoni definitivamente la visione meccanicistica-tayloristica, riduzionistica della catena di montaggio, della che una cattiva visione del digitale, al contrario, tende a rafforzare. 

I problemi che sommergono di emergenze incessanti il nostro tempo non sono dovuti ad un cattivo uso della comunicazione, ma ad una concezione, ad una visione e a relative prassi della comunicazione decisamente vecchie, inadeguate a metterci in condizione di poter usufruire, individualmente e collettivamente, delle incredibili risorse offerteci dall’epoca della complessità che stiamo vivendo.

Serve necessaria, cioè, una comunicazione di nuova generazione che favorisca la nascita e il consolidamento di una relazione comunicativa inedita, radicata nei valori democratici della nostra Costituzione, indispensabile per “Generare” nuovi saperi, nuove conoscenze e competenze. E, soprattutto, per dare vita ad un nuovo sistema sociale, economico, culturale e politico basato sulla centralità del Valore – costruito in maniera collaborativa e cooperativa – inteso come fonte di profitti (e non viceversa).

Il team di scientia Atque usus

Vuoi saperne di più sul progetto “scientia Atque usus”? 

Scrivici!

Cos’è “scientia Atque usus”?

Cos’è “scientia Atque usus”?

Un progetto di comunicazione – di costruzione di Comunità – che riguarda la cultura, la società e l’economia con l’obiettivo di valorizzare i saperi, le competenze e le abilità che sono alla base dell’attività quotidiana di tutti gli individui (usus).

Di favorire la collaborazione, strutturalmente integrata, tra il mondo della Ricerca (scientia) e quello del tessuto produttivo e politico (usus), per dare vita ad un progetto di società condiviso e partecipato.

C’è in gioco il senso della nostra Democrazia.

Un progetto di comunicazione – di costruzione di Comunità – che riguarda la cultura, la società e l’economia con l’obiettivo di valorizzare i saperi, le competenze e le abilità che sono alla base dell’attività quotidiana di tutti gli individui (usus).

Di favorire la collaborazione, strutturalmente integrata, tra il mondo della Ricerca (scientia) e quello dell’usus, per dare vita ad un progetto di società condiviso e partecipato.

C’è in gioco il senso della nostra Democrazia.

Gli “Atque” di sAu

scientia Atque usus vuole indicare la nuova idea di Comunicazione tra la scientia e il suo giornaliero, normale usus. Ma anche viceversa: come le diffuse attività quotidiane, riconosciute come ‘non-scientifiche’, possano comunicare con i lavori riconosciuti ufficialmente come ‘scientifici’.

Roberto Ferrari [chi è] propone il punto di vista della Direzione Cultura della Regione Toscana

sulla situazione attuale della cultura e dei musei toscani e delinea una prospettiva

su potenziali scenari futuri di coinvolgimento della cittadinanza nella definizione

di percorsi museali

in fase di pubblicazione

Un progetto, un sistema integrato

Uno sguardo sulle Officine di scientia

Le Officine di scientia sono un ambiente online ideato per favorire la collaborazione ai progetti di sAu di un numero sempre più vasto e qualificato di interlocutori. Lo scopo è quello di individuare e coinvolgere, in ogni fase dei progetti, i relativi portatori d’interesse, in un’ottica di community building basata sulla partecipazione attiva e critica.

FORMARE ALL’INNOVAZIONE

Negotium faber fortunae suae: il cortocircuito del comparto vivaistico italiano
Intervista a Emilio Resta e Riccardo Russu

Emilio Resta e Riccardo Russu ci parlano della necessità di ripensare il sistema formativo riservato agli imprenditori vivaisti, ponendo particolare attenzione alla definizione di strategie d’intervento che nascano dalle problematiche dei singoli operatori della filiera produttiva.

Di Ilaria Marchionne

INNOVAZIONE DI SISTEMA

Serve più comunicazione per promuovere l’innovazione in agricoltura
Intervista a Anna Vagnozzi

L’articolo affronta il tema dell’innovazione in agricoltura, presentando un’intervista alla dott.ssa Anna Vagnozzi del Centro di ricerca Politiche e Bioeconomia del CREA che approfondisce la tematica delle dinamiche comunicative e progettuali che investono i vari soggetti coinvolti nei processi di innovazione.

Officine di usus: l’ambiente online per lavorare con i partner di progetto

Le Officine di usus sono i cantieri dei progetti di comunicazione in fase di realizzazione con imprese, associazioni, istituzioni e organizzazioni in genere. Qui le realtà più diverse – nazionali e internazionali – collaborano e cooperano per ideare, progettare e realizzare insieme soluzioni innovative.

FORMARE UNA SOCIETÀ IN SALUTE

Master in Comunicazione Medico-Scientifica e dei Servizi Sanitari

Il Master di primo livello, proposto a chi opera o vuole operare nel mondo della comunicazione della Salute e dei Servizi Sanitari, è object-oriented, ovvero costruito attorno a progetti che gli iscritti svolgono durante il corso. Al centro: la conoscenza dei contenuti medico-scientifici.

TRASFORMARE L’ASCOLTO IN INTERVENTO

La comunicazione del Centro di Ascolto Oncologico come motore di costante innovazione per il Sistema Sanitario

Il progetto intende trasformare le difficoltà dei cittadini di accedere ai Servizi Sanitari e ai percorsi di prevenzione in uno strumento per innovare il Sistema Sanitario e rafforzare la comunicazione organizzativa tra tutte le anime di questo complesso contesto

scientia Atque usus

scientia Atque usus

La collana nasce come progetto editoriale orientato alla costruzione di una comunità internazionale di esperti e studiosi che – adottando un paradigma comunicativo, progettualmente “generativo” di nuove relazioni fra mondo della ricerca (scientia) e vita quotidiana (usus) – favoriscano il dialogo e lo scambio fra settori tecnico-scientifici diversi

sAu Community

sAu Community

sAu Communty è un elemento fondamentale all’interno dell’ecosistema di “scientia Atque usus”. Ogni iniziativa progettata e realizzata, infatti, si prefigge l’obiettivo di individuare soggetti, afferenti ad ambiti diversi, con i quali tessere una trama d’interazioni continue in una prospettiva di community building, di condivisione e di coinvolgimento.

sAu Academy

sAu Academy

Un ambiente di formazione generativa, che pone al centro la creatività, l’intelligenza critica, la sperimentazione dei soggetti, individuali e collettivi. Una Comunità della Conoscenza costituita da tutti coloro che hanno deciso di dare alla loro vita il significato di un’incessante Ricerca. Dove le tecnologie sono al servizio della Conoscenza e dei Saperi; e non viceversa

sAu Library

sAu Library

sAu promuove la formazione di comunità di saperi, di esperienze, di pratiche in cui le persone cooperano alla realizzazione di progetti per il conseguimento del bene comune.
Ogni progetto ruota intorno ad una serie di oggetti che sono il risultato di una comunicazione tra persone, cioè dell’atto di mettere in comune, condividere elementi di conoscenza per generare.
La sAu Library raccoglie questi oggetti e ne documenta – attraverso le relazioni con i progetti di sAu – il carattere generativo.